Autorecupero

Riferimento ddl della Regione Piemonte "Autorecupero degli alloggi carenti di manutenzione da parte degli assegnatari
Modifiche alla legge regionale 17 febbraio 2010, n.3 (norme in materia di edilizia sociale)


CHE COS'È

L'autorecupero è una possibilità prevista per tutti coloro che sono in graduatoria per l'assegnazione di una casa popolare. Il bando individua una serie di alloggi non assegnabili perché bisognosi di interventi di manutenzione. Chi è già in graduatoria potrà partecipare chiedendo di farsi carico personalmente dei lavori per uno degli appartamenti in elenco (con interventi precedentemente individuati che vanno dalla sostituzione dei sanitari alla verifica dell’impianto elettrico e del gas) fino ad un importo massimo di 7mila euro, che gli verranno successivamente rimborsati.

I lavori devono essere eseguiti esclusivamente da imprese/imprenditori abilitati. Coloro che sono già in graduatoria per l'assegnazione di una casa popolare e vogliono farsi carico delle opere, possono presentare domanda all’ufficio Casa del Comune scegliendo uno degli alloggi inseriti nell’elenco dei disponibili per l’autorecupero. Esaminate le domande, il Comune pubblica la graduatoria dei soggetti ammessi che saranno convocati da Atc per definire giorno e ora del sopralluogo nell’alloggio, a seguito del quale avverrà l’accettazione formale dell’appartamento. In caso di richieste doppie, avrà la precedenza chi occupa un posto più alto nella graduatoria del bando generale per l'assegnazione. Saranno sempre i tecnici di Atc a supervisionare i lavori fatti e, scontrini e fatture alla mano, a calcolare i rimborsi che gli inquilini si vedranno poi rimborsate, come stabilito dalla legge regionale sull'autorecupero e dal regolamento di attuazione.


COME FARE

Modalità e tempi sono indicati nell'avviso pubblico che potete scaricare in questa pagina, dove trovate anche il modulo da compilare per partecipare.

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto