Censimento

(art. 3 L.R. Piemonte n. 3/2010)


COS'E'?

Periodicamente Atc fa un censimento socio-economico dei nuclei assegnatari, per verificare se esistono ancora i requisiti per la permanenza nell'appartamento e per aggiornare la consistenza del nucleo insieme ai dati anagrafici e di reddito.


A COSA SERVE

Serve a verificare che tutti coloro che vivono nelle case popolari mantengano i requisiti necessari stabiliti per legge e se ci sono state variazioni nel numero di componenti del nucleo familiare o del loro reddito, dal momento che il canone d'affitto è calcolato proprio sulla base del reddito familiare.

DOCUMENTAZIONE AMMINISTRATIVA
(ritenuta rilevante soprattutto per cittadini extra UE) 

Recentemente sono state approvate alcune modifiche alla Legge Regionale 3/2010 che riguarda l’edilizia sociale. In particolare è stato stabilito che, per ottenere l’assegnazione di un alloggio edilizia sociale e per non perderne i requisiti, i componenti del nucleo famigliare non devono essere titolari, complessivamente, di diritto di proprietà, usufrutto, uso o abitazione, ad eccezione della nuda proprietà, di un alloggio in qualsiasi comune del territorio nazionale e all'estero che sia adeguato alle esigenze del nucleo familiare, secondo le definizioni normative esistenti. Pertanto vi ricordiamo che, d’ora in avanti, i cittadini di Stati non appartenenti all'Unione Europea che presentano domanda per l’assegnazione di una casa popolare o sono già assegnatari ma devono presentare ad Atc pratiche relative all’alloggio (censimento, ospitalità, voltura o subentro), devono necessariamente dotarsi di un documento che attesti ogni stato e fatto relativo a proprietà immobiliari all’estero, rilasciato dalle autorità competenti dello Stato estero (ambasciata o consolato del paese di riferimento), corredato di traduzione in lingua italiana autenticata dall’autorità consolare italiana. Questa documentazione deve riguardare sia l’assegnatario sia tutti i componenti del nucleo familiare. In caso di difficoltà è possibile contattare i consolati di riferimento. Chi è in possesso dello status di rifugiato o è titolare di protezione sussidiaria può produrre apposita dichiarazione.

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto