Subentro nel contratto di locazione

(art. 13 L.R. Piemonte n. 3/2010)


COS' È IL SUBENTRO

Il subentro è il cambio di intestazione del contratto di locazione che si effettua quando decede l'assegnatario.


CHI PUÒ SUBENTRARE

 Hanno la possibilità di subentrare nella convenzione (nell'ordine indicato):

  • il coniuge dell'assegnatario;
  • i figli dell'assegnatario;
  • la parte dell’unione civile;
  •  il convivente more uxorio;
  •  ascendenti;
  • discendenti;
  •  collaterali;
  •  affini;
  •  sono considerate componenti del nucleo familiare anche persone non legate da vincoli di parentela o affinità se autorizzate da ATC e iscritte da almeno un anno nella famiglia anagrafica dell'Assegnatario, con esclusione dei soggetti legati da rapporti di lavoro con l'Assegnatario stesso.


REQUISITI NECESSARI

E' necessario avere i seguenti requisiti:

  1. la residenza anagrafica nell'alloggio;
  2. i componenti del nucleo familiare non devono essere titolari di diritti di proprietà, usufrutto, uso o abitazione, ad eccezione della nuda proprietà, su un alloggio situato in qualsiasi comune del territorio nazionale o all'estero adeguato alle esigenze del nucleo familiare (ai sensi del decreto ministeriale 5 luglio 1975), salvo che l’alloggio stesso non risulti inagibile da certificazione rilasciata dal comune oppure sia sottoposto a procedura di pignoramento, o sia stato assegnato al coniuge per effetto di sentenza di separazione giudiziale o di accordo in caso di separazione consensuale, o alla parte dell'unione civile o al convivente di fatto;
  3. non avere avuto una precedente assegnazione in proprietà o con patto di futura vendita di alloggio realizzato con contributo pubblico o finanziamento agevolato concesso in qualunque forma dallo Stato, dalla Regione, dagli enti territoriali o da altri enti pubblici, sempre che l'alloggio non sia inutilizzabile o perito senza dare luogo al risarcimento del danno;
  4. non essere alcun componente del nucleo richiedente assegnatario di alloggio di edilizia sociale nel territorio regionale;
  5. non avere ceduto in tutto o in parte, fuori dai casi previsti dalla legge, l'alloggio eventualmente assegnato in precedenza in locazione;
  6. non essere occupante senza titolo di un alloggio di edilizia sociale;
  7. non essere stato dichiarato decaduto dall'assegnazione dell'alloggio a seguito di morosità, salvo che il debito conseguente a morosità sia stato estinto prima della presentazione della domanda;
  8. essere in possesso di un indicatore della situazione economica equivalente ISEE non superiore al doppio del limite di assegnazione.


DOVE REPERIRE IL MODULO

  • Allo Sportello Unico ATC;
  •  all'ufficio Urp ATC;
  • scaricandolo dal sito internet A.T.C. alla pagina modulistica


DOVE PRESENTARE LA DOMANDA

Il modulo per la domanda può essere:

  • spedito ad ATC - C.so Dante n. 14 - 10134 TORINO;
  • consegnato allo Sportello Unico presso il Salone del pubblico ATC - C.so Dante n. 14.


DOCUMENTI NECESSARI

  • Documento d'identità del richiedente;
  • Tutti i documenti richiesti possono essere autocertificati, (D.P.R n.445 del 28/12/2000), tranne la documentazione medica, certificati di invalidità e similari; Chi ritiene di aver necessità di un aiuto nella compilazione del modulo può richiederlo allo Sportello Unico e allo Sportello URP. Per la definizione della pratica è necessario conoscere i redditi lordi di tutti i componenti del nucleo familiare e l'indicatore ISEE. Questi dati sono reperibili nella busta paga oppure nel modello "CUD" oppure nella dichiarazione dei redditi; Il modello ISEE deve essere richiesto ad un CAF.

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto