Atc Torino - Volture
VOLTURA DEL CONTRATTO DI LOCAZIONE
(art. 13 L.R. Piemonte n. 3/2010)

COS'È LA VOLTURA
La voltura è il cambio di intestazione della convenzione di locazione in caso di:
  • assegnazione della casa coniugale, da parte del Giudice, a persona diversa dall'assegnatario in caso di separazione o scioglimento del matrimonio;
  •  cessazione della convivenza more uxorio, a favore del convivente;
  •  trasferimento del precedente assegnatario.


CHI PUÒ RICHIEDERE LA VOLTURA
Hanno la possibilità di richiedere la voltura (nell'ordine indicato):
  1.  il coniuge dell'assegnatario;
  2. i figli dell'assegnatario;
  3.  il convivente more uxorio;
  4.  ascendenti;
  5.  discendenti;
  6. collaterali;
  7.  affini;
  8.  sono considerate componenti del nucleo familiare anche persone non legate da vincoli di parentela o affinità, se autorizzate da ATC e iscritte da almeno un anno nella famiglia anagrafica dell'Assegnatario, con esclusione dei soggetti legati da rapporti di lavoro con l'Assegnatario stesso.


REQUISITI NECESSARI
E' necessario avere i seguenti requisiti:
  1.  l'assegnatario deve avere la residenza anagrafica nell'alloggio da almeno cinque anni; tre anni per il richiedente la voltura;
  2. sia l'assegnatario, sia il richiedente la voltura non devono essere titolari di diritti esclusivi di proprietà o di altri diritti reali esclusivi di godimento su alloggio di categoria catastale A1, A2, A7, A8, A9 e A10 ubicato nel territorio regionale;
  3.  non essere titolare di diritti esclusivi di proprietà o di altri diritti reali esclusivi di godimento su alloggio di categoria catastale A3, A4, A5, e A6 ubicato nel territorio regionale di superficie utile massima non superiore a: o 40 mq per nucleo richiedente composto da una o due persone; o 60 mq per nucleo richiedente composto da tre o quattro persone; o 80 mq per nucleo richiedente composto da cinque o sei persone; o 100 mq per nucleo richiedente composto da sette o più persone;
  4.  non avere avuto una precedente assegnazione in proprietà o con patto di futura vendita di alloggio realizzato con contributo pubblico o finanziamento agevolato concesso in qualunque forma dallo Stato, dalla Regione, dagli enti territoriali o da altri enti pubblici;
  5. non essere alcun componente del nucleo richiedente assegnatario di alloggio di edilizia sociale nel territorio regionale;
  6.  non aver ceduto in tutto o in parte, fuori dai casi previsti dalla legge, l'alloggio eventualmente assegnato in precedenza in locazione;
  7. la convenzione di locazione sia stata stipulata da almeno cinque anni;
  8.  la convivenza con l'assegnatario (dimostrata ai sensi di legge) che si trasferisce deve durare ininterrottamente da almeno tre anni;
  9.  essere in possesso di un indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) non superiore al doppio del limite di assegnazione stabilito in ¤ 41.611,16;


DOVE REPERIRE IL MODULO
  • allo Sportello Unico ATC;
  • all'URP ATC;
  •  scaricando il modulo dal sito internet A.T.C. alla pagina modulistica


DOVE PRESENTARE LA DOMANDA
Il modulo per la domanda può essere:
  • spedito ad ATC - C.so Dante n. 14 - 10134 - TORINO;
  • consegnato allo Sportello Unico presso il Salone del pubblico ATC di C.so Dante n. 14


DOCUMENTI NECESSARI
  • Documento d'identità in corso di validità del richiedente;
  • Marca da bollo da ¤ 16,00;
  • In caso di separazione o scioglimento del matrimonio occorre esibire la sentenza definitiva di separazione omologata dal Tribunale;
  •  In caso di trasferimento del titolare è necessario l'atto di rinuncia all'assegnazione da parte dell'assegnatario e un suo documento d'identità.. Tutti i documenti richiesti possono essere autocertificati, (D.P.R n.445 del 28/12/2000), tranne la documentazione medica, certificati di invalidità e similari.
Chi ritiene di aver necessità di un aiuto nella compilazione del modulo può richiederlo allo Sportello Unico e allo Sportello URP presso salone pubblico di ATC. Per la definizione della pratica è necessario conoscere i redditi lordi di tutti i componenti del nucleo familiare e i dati ISEE; questi dati sono reperibili nella busta paga oppure nel modello "CUD" oppure nella dichiarazione dei redditi. Il modello ISEE deve essere richiesto ad un CAF.

Scarica la scheda